La nuova capsule collection dell’atelier Alberta Florence

talentil

 

  Wunderkammer è il nome della nuova collezione Alberta Florence, l’atelier della designer Giulia Mondolfi, che sarà presentata a Roma giovedì 23 novembre dal gallerista Gerardo Capece Minutolo negli spazi della Galleria Ciemme (ore 18, via dei Banchi Vecchi 59). Una capsule collection che s’ispira alla tradizione delle Wunderkammer, la camera delle meraviglie in cui, a partire dal Cinquecento, venivano conservate rarità o bizzarrie della natura. Luoghi amati da collezionisti ed eruditi, che ancora oggi mantengono intatto il loro fascino e a cui la designer fiorentina si è ispirata per realizzare una collezione che è un inno all’eleganza, per una donna ricca di grazia e incanto.

“Per le nuove creazioni – dichiara Giulia Mondolfi – mi sono lasciata guidare dalla meraviglia e dallo stupore che suscitano le più note Wunderkammer italiane. Penso allo studiolo di Francesco I de’ Medici in Palazzo Vecchio a Firenze, o quello di Isabella d’Este al Palazzo Ducale di Mantova, due luoghi d’introspezione e di scoperta in cui erano custoditi oggetti insoliti e capaci di ritrarre il mondo nella sua varietà e ricchezza. Pietre rare, zanne di elefante, rami di corallo, frutti esotici, perle, conchiglie, oggetti ricercati immersi in un universo ‘soffuso’. Un’atmosfera che ho cercato di trasporre nei miei abiti, disegnando una collezione onirica, lontana dai ritmi frenetici e dall’idea di omologazione della moda contemporanea”.

Le creazioni della nuova capsule collection Alberta Florence, tutti pezzi unici confezionati a mano a Firenze, hanno linee morbide che avvolgono la figura femminile impreziosendola con sete e damaschi. Le tonalità che predominano sono quelle notturne: nero, bordeaux, verde bosco. Alle stampe floreali, tipiche dell’atelier, si affiancano fantasie che richiamano un mondo sospeso fatto di piante esotiche, coralli e conchiglie. La collezione è ambientata in una Firenze notturna, dove gli abiti sfilano al chiarore della luna.

“Sono sempre felice di ospitare le creazioni Alberta Florence – dichiara il gallerista Gerardo Capece Minutolo – e in particolare in questa collezione ritrovo l’anima stessa del collezionismo. La cura con cui Giulia segue la selezione e la ricerca di tessuti rari e pregiati, è la stessa che adotto io nel mio lavoro. Il nostro è un connubio all’insegna dell’unicum, dell’irrepetibile, vogliamo offrire al pubblico la sensazione di vivere un’emozione intensa”.

La designer Giulia Mondolfi ha deciso di legare la sua nuova capsule collection Wunderkammer a un’importante iniziativa per la città di Firenze. Il 2 e 3 dicembre, in occasione della raccolta fondi organizzata al Convitto della Calza per sostenere le attività dell’American International League of Florence (AILO), Alberta Florence presenterà in anteprima esclusiva la borsa “Ortensia”. Il ricavato dalla vendita dei primi tre esemplari sarà interamente devoluto ad AILO.

La collezione Wunderkammer sarà in visione alla Galleria Ciemme anche venerdì 24 novembre (10.30-18).

Giulia Mondolfi (Firenze, 1986) Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Milano e la specializzazione in Architettura del paesaggio conseguita all’Università di Firenze, inizia a collaborare con importanti studi di architettura del paesaggio, dove si occupa di salvaguardia e progettazione del verde in vario ambiti (aziende agricole, parchi pubblici, giardini, terrazzi). Dal 2012 porta avanti il suo interesse scrivendo su varie riviste di settore (Rivista di Storia dell’Agricoltura dell’Accademia dei Georgofili, Paysage, Gardenia, il Bollettino telematico dell’arte). Nel 2014 Giulia dà vita ad Alberta Florence Interior Design and Exclusive Clothing, un atelier di abiti confezionati a mano a Firenze con tessuti made in Italy. Alberta Florence è un progetto creativo che unisce le passioni di Giulia: arte, architettura e moda. Un perfetto connubio tra moda, design e artigianalità. Il progetto creativo di Giulia viene riconosciuto con il Florence Design Award nel giugno 2017.

 

Potrebbero interessarti anche...