Gruppo VéGé ripulisce 60 spiagge per il suo anniversario. Al via il progetto “RIPULIAMO LE SPIAGGE” con Legambiente

968 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia di cui l’81% rappresentato dalla plastica*. A questi
numeri, Gruppo VéGé, nel giorno del suo sessantesimo anniversario, risponde lanciando
Ripuliamo le spiagge, il progetto di responsabilità sociale sviluppato in collaborazione con
Legambiente per sensibilizzare le persone sull’argomento e per dare un futuro vivibile ai nostri
litorali e al mare.
Milano 19 Giugno 2019 – Gruppo VéGé, il primo Gruppo della Distribuzione Moderna nato in Italia,
ha colto l’occasione dei festeggiamenti per il suo sessantesimo anniversario, per lanciare un segnale forte
che “traccia la rotta” di un nuovo percorso di responsabilità sociale che lo vedrà impegnato in iniziative
su scala nazionale mirate alla salvaguardia del territorio e a promuovere stili di consumo sostenibili.
Primo avanzamento nel percorso è il progetto “Ripuliamo le spiagge”, sviluppato in collaborazione con
Legambiente e ufficializzato nel corso dell’evento milanese per il 60° del Gruppo. Quest’iniziativa, che
partirà ai primi di settembre, prevede la pulizia straordinaria di 60 spiagge attraverso la rimozione dei
rifiuti.
Gruppo VéGé, inoltre, intende contribuire alla sensibilizzazione sull’uso della plastica monouso anche
accelerando i tempi della programmata rimozione dagli scaffali delle stoviglie usa-e-getta: altro passo
fondamentale verso l’adozione di modelli virtuosi di economia circolare e di responsabilità ambientale.
Un mare di plastica
L’usa-e-getta in plastica continua a invadere i nostri litorali: ogni 100 metri di spiaggia 34 stoviglie (piatti,
bicchieri, posate e cannucce), oltre 10.000 tra bottiglie e contenitori di plastica per bevande, inclusi i
tappi*.
Questi numeri testimoniano l’importanza della lotta all’utilizzo e alla dispersione nell’ambiente della plastica
monouso. Proprio in quest’ottica nasce il progetto “Ripuliamo le spiagge” . All’interno dei punti vendita
delle imprese socie del Gruppo, infatti, i clienti saranno invitati a partecipare alla pulizia di una spiaggia
sul loro territorio.
Nel corso della roadmap, in partenza da Napoli il 2 settembre prossimo, cittadini e dipendenti si faranno
carico di ripulire 60 arenili da migliaia di bottiglie, contenitori in plastica per cibi e bevande e rifiuti in
genere.
Il progetto si svilupperà su tutto il territorio nazionale. Dopo la tappa inaugurale di Napoli, infatti, saranno
coinvolte molte città tra cui Messina, Palermo, Bari, Sassari, Genova, Venezia e Ravenna per giungere, il
17 ottobre, a Ostia, ultima tappa dell’iniziativa.
Gruppo VéGé rimuove la plastica monouso dagli scaffali
Nell’ambito del percorso verso un modello di sviluppo sostenibile, tutte le imprese di Gruppo VéGé, insieme a Federdistribuzione, già dal prossimo luglio affiancheranno, sugli scaffali dei punti di vendita, i prodotti in plastica monouso a prodotti equivalenti in materiale compostabile. L’obiettivo finale è dismettere definitivamente tutte le stoviglie in plastica monouso entro il 30 giugno 2020, quindi in netto anticipo rispetto all’entrata in vigore della legge che impone la loro rimozione dagli scaffali nel 2021.
“Quella dei rifiuti in mare è un’emergenza ambientale dalle ripercussioni davvero drammatiche e incalcolabili” – dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente. “È una sfida difficile ma non impossibile, che si può vincere solo con il contributo di tutti gli attori: dagli stili di vita più responsabili dei consumatori al protagonismo del mondo dell’industria, dalle politiche dei governi alle scelte coraggiose delle grandi imprese. Come quella di Gruppo VéGé che sta lavorando per anticipare la dismissione delle stoviglie di plastica monouso dagli scaffali, prima ancora dell’entrata in vigore della legge. Dobbiamo lavorare per orientare in maniera sostenibile le scelte dei consumatori e siamo felici di contribuire a questo grande progetto per la pulizia straordinaria delle spiagge”.
“Stiamo assistendo alla devastazione del nostro pianeta a causa dell’utilizzo abnorme della plastica non riciclata e allo spreco di risorse alimentari che, nei prossimi decenni, acquisteranno un’importanza cruciale a causa del vertiginoso aumento della popolazione mondiale” – commenta Francesca Repossi, Responsabile Marketing di Gruppo VéGé. “Porre rimedio a questa situazione prima che diventi irreversibile non è più una scelta facoltativa, ma un obbligo per ciascuno di noi. Per questo, abbiamo deciso di intraprendere un percorso virtuoso che, partendo dall’attenzione nei confronti della plastica monouso, ci conduca all’adozione di modelli di economia circolare che mirino a proteggere i nostri territori, i nostri produttori e la popolazione tutta”.
*Fonte Legambiente – Beach Litter 2019
***
Gruppo VéGé, primo Gruppo della Distribuzione Moderna nato in Italia nel 1959, riunisce 32 imprese accomunate da una strategia coerente con il modello dell’impresa familiare e il solido presidio dei bacini territoriali in cui ciascuna opera. Leader nell’innovazione tecnologica, con 3.416 punti di vendita (ipermercati, superstore, supermercati, superette, discount, specializzati e cash & carry) dislocati in modo capillare su tutto il territorio nazionale, Gruppo VéGé si configura come uno dei più importanti network di vendita del nostro Paese.

Per ulteriori informazioni su Gruppo VéGé: http://www.gruppovege.it

Potrebbero interessarti anche...