Giulia Mondolfi al Fuori Orticola del Museo Bagatti

Sarà la Sala Armigeri a ospitare quest’anno l’evento Fuori Orticola al Museo Bagatti Valsecchi: un’installazione in cui le decorazioni floreali delle pregiate carte di Farrow & Ball si combinano con i fiori e le piante reali del vivaio pistoiese Ladre di Piante, creando innovative suggestioni all’insegna dell’onirico e della natura. Un progetto che vede tra i suoi protagonisti la designer Giulia Mondolfi, ideatrice dell’atelier Alberta Florence.

L’installazione s’inserisce nel palinsesto Orticola al Museo e propone ai visitatori un’esperienza immersiva di grande effetto, in cui nuovi giochi di contrasti definiscono un mondo fuori dal tempo dove protagonista è la natura e i suoi ritmi. Al centro del progetto i colori: l’arancio del fiore della clivia, il verde acceso delle foglie del mandarino, il bianco delle peonie e delle gardenie. Alle pareti ricoperte di carte da parati, a tema floreale e geometrico, si affiancano cuscini dai motivi vegetali e dai colori intensi. Il legante fra l’architettura del museo e l’installazione diventa l’elemento vegetale vivo e fiorito, anche grazie agli altri sponsor del progetto: ProEvent per l’allestimento e il Laboratorio per la realizzazione dei cuscini.

“E’ un onore realizzare un’installazione all’interno di una collezione così unica, frutto della passione per l’arte dei fratelli Bagatti Valsecchi – dichiara Giulia Mondolfi – L’idea da cui sono partita è unastanza ‘sospesa’, in dialogo con l’architettura del museo e la sua collezione. Un percorso tra tradizione e contemporaneità, in grado di far emergere il bisogno imprescindibile per ogni essere umano, in qualsiasi epoca, del Bello e della Natura”.

“Questo progetto – conclude Giulia – mi ha permesso di lavorare per la prima volta in un contesto museale e di attingere senza riserve alle fonti principali della mia ispirazione: l’arte e la natura. Sono davvero felice che l’installazione prenda vita in occasione di Orticola. Come architetto paesaggista ho sempre apprezzato l’impegno degli organizzatori della manifestazione nel sostenere lo sviluppo delle aree verdi cittadine. Devo ringraziare per questa opportunità il Museo Bagatti Valsecchi e tutti gli sponsor per la preziosa collaborazione”.

Potrebbero interessarti anche...